Gela potrebbe avere presto un canile e un rifugio sanitario. Votata alla unanimità la mozione di Bonura

Il comune di Gela potrebbe avere presto un canile comunale, un servizio veterinario Asl, una anagrafe canina e un ricovero temporaneo. Questo quanto deciso stasera in consiglio comunale, durante il quale è stata votata all’unanimità la mozione presentata dal consigliere e capogruppo del Megafono Sara Bonura. L’amministrazione comunale si impegnerà ad individuare un terreno in cui realizzare ciò, e sulla strada della fattibilità redigere un Regolamento al fine di rendere questi progetti concreti. Soddisfazione è stata espressa dal consigliere Bonura che aveva presentato la mozione nel febbraio scorso.
 Il fenomeno del randagismo nel territorio gelese ha raggiunto livelli drammatici e fuori controllo, i cani abbandonoati sono in aumento, specie con l’arrivo della bella stagione, e i cuccioli partoriti che sopravvivono alla fame, diventano ulteriori randagi. I randagi singoli, o in gruppo, al freddo e alla fame, possono diventare un pericolo, sia per chi guida, ma anche per chi cammina a piedi. Ogni anno il comune spende cifre esorbitanti per mantenere i cani catturati nel canile Ricara di Caltanissetta, dove trascorrono il resto della loro vita in delle squallide gabbiotte. Il canile a Gela, con centro di sterilizzazione potrà arginare il problema, a tale scopo a parte i terreni di periferia potrebbe utilizzarsi anche parte dell’ex mattatoio.
Le strutture saranno affidate alle associazione che da anni si spendono per trovare delle famiglie per i cani che raccolgono dalla strada, e che accudiscono nei loro stalli .
Finalmente una bella notizia. I cani fanno ormai parte della famiglia di chi li accoglie. A tal proposito il consigliere del Pd Vincenzo Cirignotta ha chiesto di indicare e regolarizzare il cimitero per cani.