Gela: ridurre impatto import di prodotti agricoli. Sindaco chiede al Ministero misure straordinarie

Clausole di salvaguardia per ridurre l’impatto dell’accordo euro-mediterraneo che potenzia l’import dai paesi rivieraschi dell’Africa. Questo quanto ha chiesto il sindaco Domenico Messinese, assieme ai sindaci di Niscemi, Pachino e Vittoria, oltre   che ieri hanno  partecipato ad un vertice presso il Ministero dell’Agricoltura, che ha visto la presenza del titolare del dicastero, Maurizio Martina, del sottosegretario Giuseppe Castiglione, dell’assessore regionale Antonello Cracolici e dell’europarlamentare Michela Giuffrida. “I nostri imprenditori – ha detto il sindaco di Gela, Messinese – non temono tanto la concorrenza quanto la contraddizione di norme europee che non valgono nei Paesi dai quali importiamo gli stessi prodotti che coltiviamo, con costi del lavoro più elevati. Sono necessari più controlli per tutelare la sicurezza alimentare dei consumatori”.
La situazione è grave – ha detto il sindaco di Niscemi Francesco La Rosa – e al nostro disagio le istituzioni devono dare adeguate risposte”. Il Governo Centrale ha constatato il dramma economico in cui versa il settore agricolo nel territorio rappresentato dai quattro sindaci e ha annunciato varie misure tra le quali una campagna per la commercializzazione del pomodoro della fascia trasformata, grazie ad accordi intavolati con la grande distribuzione.

Articoli correlati