Gela: rivalutato il parcheggio Arena e strisce rosa. Ecco il nuovo regolamento strisce blu

Con 16 voti favorevoli è stato approvato il regolamento strisce blu dal consiglio comunale. Il parcheggio a pagamento presenta delle modifiche rispetto a quello che è esistito finora ed era stato presentato dai consiglieri di Polo Civico Popolare Sandra Bennici e Guido Siragusa.

È la prima volta che il regolamento strisce blu venga approvato dal consiglio comunale.
“Si tratta di una grande vittoria, non solo del Polo Civico ma di tutto il consiglio. A prescindere dai colori politici, quando c’è da decidere su qualcosa che riguarda il bene comune le divergenze politiche devono essere messe da parte. E così è stato per l’approvazione del nuovo regolamento del parcheggio a pagamento”. Ha detto il consigliere Sandra Bennici.

Con il nuovo regolamento, la città verrà divisa in due macroaree: la zona A (che comprende la parte delle mura federiciane) e la zona B ( il resto della città). In questo modo nella zona A, dove gli stalli saranno ridotti a 70 ala posto dei 200 posti auto attualmente esistenti, verrà sfruttato il parcheggio Arena, che di stalli ne ha 210. I totem inoltre saranno ammodernizzati e si potrà pagare anche con bancomat e carta di credito con possibilità anche di resto. Diverse anche le tariffe nelle due zone. Nella prima la A saranno da 0,70 centesimi a un euro, invece nella zona B le tariffe saranno più basse: da 0,40 a 0,60. Con l’utilizzo del parcheggio Arena, il centro storico sarà sgombro dalle auto e in questo modo verranno agevolate le attività commerciali. Adesso bisogna attendere l’espletamento del nuovo bando di gara per attuare il nuovo regolamento.

“Con il nuovo regolamento si darà fine alla sosta selvaggia in centro storico, e verrà finalmente sfruttato il parcheggio Arena, dove sono stati investiti tanti soldi e finora è rimasto in balia dei vandali”. Ha detto il consigliere Bennici.

Importante anche la creazione di stalli rosa per le donne incinte e per chi ha figli a bordo inferiore a due anni. Un atto di civiltà.
“La determinazione ci ha ripagati, nonostante i così tanti ostacoli, specie da parte del dirigente del settore”. ha detto la Bennici.

Articoli correlati