Gela sempre più vicina a Catania, la decisione è attesa per i primi di settembre

Tra il primo e il 5 settembre Gela delibererà il proprio futuro. Spetta adesso al Consiglio Comunale votare il passaggio alla città metropolitana di Catania.

L’argomento è stato al centro di una conferenza che si è svolta stamattina fra i capigruppo del Consiglio Comunale e i componenti del Comitato per lo Sviluppo dell’Area Gelese, presieduto da Filippo Franzone, alla presenza del sindaco Domenico Messinese. Due lunghe ore in cui si è discusso dell’iniziativa, qualcuno chiedendo di avere ulteriori informazioni, qualcun altro ricordando la scelta della popolazione che già si è espressa per Catania. Alla fine della conferenza, si è arrivati a stabilire un periodo, tra il primo e il 5 settembre, in cui poter svolgere il Consiglio Comunale monotematico per votare la delibera di adesione alla città metropolitana di Catania. “Siamo a un passo dal cambiare la storia – si legge nel comunicato del Comitato – oggi viene offerta a Gela, ma anche a Piazza Armerina e a Niscemi l’opportunità di entrare in un territorio più ricco e dinamico, nel distretto del sud-est, in quella che da tutti viene definita la locomotiva della Sicilia. Finalmente in futuro faremo riferimento alla Sicilia orientale e non più a quella occidentale che fa capo a Palermo, ci ritroveremo con i Comuni del catanese, ragusano e siracusano. Un territorio in cui, insieme a Niscemi, andremo a ricongiungerci dopo ottant’anni con Piazza Armerina e dopo duecento con Caltagirone, Mirabella Imbaccari, San Cono, San Michele di Ganzaria e altri. Adesso – conclude la nota – bisogna fare in modo che la popolazione gelese sia pronta a questa eccezionale giornata, abbiamo già chiara la situazione avendo ascoltato una moltitudine di concittadini all’unanimità favorevoli a questo cambio epocale. Si scriverà una nuova pagina della storia gelese”. Data l’importanza della seduta del Consiglio comunale, tutti i cittadini saranno chiamati ad assistere.

Articoli correlati