Gela senza squadra aveva uno stadio futuristico. Oggi è il contrario. Chiesti interventi per il Presti

Gela nel 2011 aveva uno stadio futuristico, ma non aveva squadra, un campo in erba naturale, unico in Italia costato 600 mila euro, ma non si era riusciti  a trovare 300 mila euro per mantenere il Gela in serie C. Oggi Gela ha una squadra promossa in serie D, ma non ha più uno stadio adeguato per opsitare tifosi e squadre provenienti dal sud Italia. Sulla questione è intervenuta la Sesta commissione permanente Sport  che chiede di trovare una soluzione per apportare delle migliorie allo Stadio Presti. Questo è stato sottolineato  dai consiglieri Sammito,  Amato, Bonura e Di Dio, che fanno i complimenti  alla squadra di calcio di Gela del Presidente Tuccio per la splendida vittoria ottenuta ieri. Il passaggio al campionato di serie D, è il risultato  di un ianno di impegno  e lavoro. ” Lo stadio  – affermano i consiglieri – ora deve essere pronto ad accogliere le squadre del sud Italia ed i loro tifosi, nella nuova avventura calcistica che la squadra della nostra città si appresta ad affrontare”.