Gela: sequestrata oltre tre tonnellate di frutta, non adatta al consumo umano. Denunce e multe

 

Sequestro di  tre tonnellate e mezzo di frutta , due denunce e 12 abusivi segnaliti. Questo il risultato del blitz svolto stamanti al mercato ortofrutticolo di Gela dai Carabinieri del reparto territoriale assieme ai Nas di Ragusa e alla Polizia Municipale.   I controlli svolti stamattina presto hanno avuto la finalità di riscontrare la presenza delle autorizzazioni all’interno del sito e verificare la sussistenza dei requisiti igienico-sanitari posseduti dai commercianti. Sono stati sottoposti a controllo una cinquantina di rivenditori di frutta nonché i titolari di alcuni box esistenti all’interno del mercato.

Denuncia  scattata per due cittadini gelesi di 57 e 61 anni, rivenditori abusivi di frutta, per aver costruito opere abusive all’interno del mercato e per invasione di edifici pubblici, poiché utilizzavano indebitamente, dopo averlo forzato, un box di proprietà comunale senza alcuna autorizzazione.

Durante l’attività di verifica, i militari dell’Arma e gli agenti della Polizia Municipale hanno sanzionato dieci rivenditori perché totalmente abusivi ed hanno sequestrato tre tonnellate e mezzo di frutta perché di dubbia provenienza e non adatta al consumo umano. La merce sequestrata sarà poi distrutta, mentre sono in corso ulteriori accertamenti sulla titolarità delle licenze di commercio, su eventuali prestanomi e sui soggetti identificati stamattina all’interno.

Due di  due di loro hanno condanne per associazione di tipo mafioso. Complessivamente le sanzioni amministrative elevate nell’operazione ammontano a circa 10.000 Euro.