Gela, tre arresti e sette denunce

Tre gli arresti eseguiti questa settimana dagli agenti del Commissariato di Gela. Si tratta del gelese Aquinato Giovanni 69 anni, che dovrá scontare  1 anno 8 mesi di reclusione per essere stato riconosciuto colpevole del reato di costruzione abusiva e violazione continuata dei sigilli. Arrestato anche Alfieri Vincenzo gelese di 31 anni, che  dovrà scontare la reclusione domiciliare per le residue pene concorrenti per un anno e  2 mesi per essere stato riconosciuto colpevole di reati contro il patrimonio. Deve rispondere di reati finanziari Lignano Gioacchino, gelese di 55 anni che  dovrà scontare la detenzione domiciliare di 10 mesi di reclusione. Scattate anche sette denunce nei confronti di altrettante persone. Si tratta di:D. N., gelese di 21 anni,  perché circolava alla guida di un ciclomotore senza la patente di guida perché mai conseguita. Denunciati anche i gelesi B. E. 35 anni M. G 44 anni.  Il primo per ricettazione  di un motore marino entro bordo già sottoposto a custodia giudiziale e il secondo per i sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro disposto nel corso di un procedimento penale o dall’autorità amministrativa e per violazione colposa di doveri inerenti alla custodia di cose sottoposte a sequestro disposto nel corso di un procedimento penale o dall’autorità amministrativa,  in quanto custode giudiziale del motore in argomento. Quest’ultimo  fatto é stato accertato a seguito di controllo effettuato da personale Squadra Nautica avvenuto il 6 giugno scorso nell’ambito di servizi predisposti per la sicurezza in mare delle persone e dei natanti e per il rispetto delle norme previste dal Codice della Navigazione. Denunciato il gelese C. S. 31 per l’ipotesi di reato di porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere. Denuncia anche per P. A. gelese di 51 anni, per porto di coltello da punta e taglio. Fatto accertato in Gela il 23 giugno scorso in qualità di passeggero a bordo di autovettura, a seguito di un controllo su strada, mostrava segni di nervosismo e cercava di occultare un qualcosa. Gesto non sfuggito all’attenta vista degli operatori di Polizia, i quali  sottoponevano a perquisizione il sospettato e veniva quindi rinvenuto in una tasca posteriore dei pantaloni, un coltello a serramanico con lama lunga 7 cm circa.R. S. C. G. gelese 44 anni, é stato denunciato  per aver contraffatto il certificato assicurativo della propria autovettura. D. N. di 21 anni, è stato denunciato  per l’ipotesi di reato guida senza patente. 

Articoli correlati