Gela: truffa, ricettazione, minaccia. Quattro arresti

Quattro le persone arrestate questa settimana degli agenti del Commissariato di Gela, durante il servizio di prevenzioni dei reati svolti nel territorio di Gela, in collaborazione con 4 pattuglie del Nucleo Anticrimine di Palermo.

Si tratta di Lo Re Antonino, di 52 annni, tratto in arresto in ottemperanza all’Ordine di Esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione Domiciliare, emesso dalla Procura del Tribunale di Gela. L’uomo dovrà espiare 2 anni di reclusione, poiché resosi responsabile del reato di truffa.

Gravana Salvatore di 35 anni, è stato tratto in arresto in ottemperanza all’Ordine di Esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione Domiciliare, emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Gela. Il giovane dovrà espiare 40 giorni di reclusione, poiché resosi responsabile del reato di minaccia .

Calabrese Emanuele, di 47 anni , è stato tratto in arresto in ottemperanza all’Ordine di Esecuzione per espiazione di pena detentiva
in regime di detenzione Domiciliare, emesso dalla Procura della Corte D’Appello di Caltanissetta. L’uomo dovrà espiare 2 anni di reclusione, poiché resosi responsabile del reato di ricettazione.

Infine arrestato Catania Emanuele, gelese di 69 anni poiché resosi responsabile del reato di associazione per delinquere.