Gela: Ufficio anagrafe a corto di personale. Interviene il consigliere Pingo

Lavoro arretrato di cinque mesi, all’interno dell’Ufficio anagrafe di Gela, a causa del trasferimento del personale della Ghelas senza sostituzione. La vicenda è stata messa in evidenza con una interrogazione, dal consigliere comunale Maria Pingo. Il personale presente attualmente in ufficio è di 10 unità per una utenza di 70 mila residente a Gela, oltre tutta la cittadinanza residente in altri Comuni e all’estero. Una persona è adibita per gli extracomunitari e richiedenti asilo politico, oltre la popolazione cancellata per irreperibilità stranieri. Un impiegato è adibito ai cambi di residenta e domicilio nel Comune di Gela, oltre che alla scissione nucleo familiare. Due sono gli impiegati per lo sportello e rilascio Carta di identità.  Uno per immigrazione e iscrizione. Due impiegati si occupano di Arie-Leva e Cancellazione. Tre per Ufficio amministratico e protocollazione, di questi 2 sono stati trasferiti dall’ufficio di Stato Civile. E tre impiegati sono addetti alla corrispondenza esterna. Impiegati diversi addetti alle nascite, morti e matrimoni sono stati trasferiti.  Il consigliere del Megafono interroga il sindaco su tale carenza di personale.