Gela va con Catania, cittadini in festa al Palazzo di città: “Grazie ai comitati e a chi ci ha rappresentato”

Grande soddisfazione a Gela per questa nuova pagina di storia.

Gioia, lacrime, ma anche polemiche, tensioni e fischi in aula consiliare nei confronti dei quattro consiglieri, Siragusa, Bennici, Bonura e Scerra, che hanno detto di no. Secondo loro, infatti, il passaggio all’area metropolitana di Catania non porterà i vantaggi e le prospettive tanto sperate. Questa scelta fa soltanto cambiare padrone a Gela, che nel luglio dell’anno scorso votò per il libero consorzio ponendosi come Comune capofila e non per l’area metropolitana. E se da un lato c’è chi ha visto disatteso il proprio no dalla maggioranza, dall’altro ci sono i venticinque consiglieri favorevoli che oggi hanno gioito in nome di un cambiamento che la città attendeva da più di un secolo. “La storia siamo noi”, è stato questo lo slogan dei giorni scorsi in vista della decisione di stamattina. “La storia l’ha fatta Gela”, stanno ormai acclamando in tanti. Una nuova pagina segnata anche dalla commozione del Comitato per lo Sviluppo dell’Area Gelese e Gelensis Populus: la città ha vinto. A trionfare, infatti, è stata la volontà dei gelesi che hanno festeggiato non appena il Consiglio comunale ha espresso il sì della maggioranza in aula, ben venticinque consiglieri su ventinove presenti. E dal Comune la gioia si è trasferita anche sui social network dove, da quando la stampa locale ha divulgato la notizia, si susseguono messaggi di orgoglio per una città assetata di riscatto. “Gela si è svegliata!”, hanno scritto in tanti, “Andiamo a Catania, addio a Caltanissetta”.

Articoli correlati