Getta la plastica nel giorno della plastica, viene multata. Succede a Gela

È successo ieri sera in via Pitagora, nel quartiere Caposoprano di Gela. Una signora è stata multata dagli agenti della Sicurezza,  per aver gettato la plastica alle 21.50, piuttosto che dalle 22:00, rifiuto che sarebbe stato raccolto stamani (giornata della plastica). La contravvenzione ammonta a 25 euro. Essere ligi al proprio dovere e essere multati è un fatto inammissibile in una città come Gela, dove la gente indisturbata continua a non differenziare i rifiuti e a trasformare interi quartieri in discariche abusive. Mettiamoci nei panni di un anziano, che va a letto presto o di una signora, come nel caso di ieri sera, costretta a uscire di casa dopo le 22:00 per sbarazzarsi dei rifiuti. L’episodio di ieri mette in evidenza, ancor di più, la necessità  dei cassonetti differenziati, in una città che continua a essere sporcata, dove capita a volte  che i commercianti del centro trovino la mattina,  (nel giorno della carta ), i cartoni gettati la sera prima sventrati e non raccolti fino a una certa ora del giorno, e  che punta solamente a punire quelle persone “per bene”, che non possano avere nessuna reazione violenta contro chi agisce con sopruso. Del resto si trattava solo di 10 minuti. 

Tagged with: