Giornata della Memoria: ‘Io desidero la pace’, storia di un sopravvissuto ai lager

Morris Sciarcon è il protagonista del libro ‘Io desidero la pace’.

Si tratta di un giovane ebreo nato nell’isola di Rodi, da poco diventata italiana. Cresce in una piccola, ma vivace comunità che da sempre vive pacificamente accanto a quella greco-ortodossa e alla musulmana. Da Rodi, nel silenzio assordante di chi avrebbe dovuto salvaguardare la vita della comunità ebraico-italiana, scende verso l’inferno dei campi di sterminio nazisti.

Sfugge alla morte che non risparmia la sua famiglia, resiste, inventa stratagemmi e alla fine sopravvive. Non si lascia mai prendere dagli ardori sprigionati dai grandi fenomeni storici che attraversa: la guerra al nazismo, la formazione di Stati, il sionismo, le indipendenze. Corre via. È il suo modo di restare umano in un mondo inumano.

L’opera, scritta da Andrea Sciarcon e Fabrizio Nurra, con la prefazione di Mario Giro, prende proprio spunto dalle vicende di un ebreo italiano a Rodi sopravvissuto ai lager. In occasione della ‘Giornata della Memoria’, l’istituto ‘Ettore Romagnoli’ di Gela, in collaborazione con la libreria Mondadori, ha deciso di organizzare un incontro con entrambi gli autori per permettere ai propri alunni di dialogare su un argomento storico così importante.

L’appuntamento è per domani, venerdì 26 gennaio, alle 9:00 nell’aula magna della scuola.