“Goodbye to Gela”. Ma é un arrivederci o un addio?

“I  can never say goodbye” cioe “non posso mai dirti addio”, cantava Gloria Gaynor negli anni ’80. E in effetti il cartello posto all’ingresso della città di Gela, vicino alla fontana da cui ci si immette sulla SS 115, ha destato non poche discussioni tra i cultori della lingua inglese. Sí, perché la parola inglese “goodbye” formalmente sta a a significare “Addio”,  specie se seguito dalla preposizione to,  anche se il significato più esteso comprende anche “arrivederci”. Per arrivederci, magari su preferisce usare  bye bye o see you. Ma se consultiamo il dizionario monolingua Collins il primo significato che dá della parola inglese è “arrivederci”  mentre per addio la formula é “say goodbye to”. Insomma il significato cambia dal contesto in cui viene usata  la parola. Il termine viene  usato esattamente per intendere entrambe le cose. Il significato cambia solo dal contesto, dalla situazione o anche dal tono di voce.   Puoi dire “arrivederci” con “bye(-bye)” o “so long” ma sarebbe informale e colloquiale.  Puoi dire “addio” con “farewell” ma è molto formale e poco usato. Il modo più comune e normale per dire entrambi è “goodbye”. Sono la persona che lo dice e quella che lo riceve che capiscono dal momento se si tratta di un arrivederci o di un addio. Ma forse per quei pochi turisti che arrivano a Gela, quel termine potrebbe significare addio