Grande attesa per la visita del Papa: che possa essere l’inizio di un cambiamento

C’ è grande attesa in una Piazza Armerina ancora incredula, per la visita di Papa Francesco, che farà tappa nella città dei mosaici il 15 settembre.

Bergoglio sarà a Piazza Armerina sabato. Dalle 8,30 (ora dell’atterraggio al campo sportivo di Piano Sant’Ippolito) alle 10,15, quando ripartirà con destinazione Palermo.

Un evento storico che ha toccato proprio la città siciliana. E l’attesa sta diventando ansia. È la prima volta che un Pontefice visita il territorio di una Diocesi  a due secoli dalla fondazione.

“Questo grande dono, che la Provvidenza ha permesso alla diocesi di Piazza Armerina, sta dando alla gente le giuste coordinate per capire il valore altissimo che ha la visita di Papa Francesco in questo lembo di terra del Centro Sicilia ” Ha detto Mons. Gisana.

“La diocesi di Piazza Armerina è simbolo di un territorio vasto che include anche le diocesi vicine: tutte bisognose di scuotimento”

Ha detto ancora mons. Gisana.

E ci si augura, così come sottolineato dal vescovo di Piazza Armerina che la visita del Papa “possa scuotere gli animi della gente, al punto da avviare concrete scelte di cambiamento, in particolare di quel cambiamento che riguarda il proprio stile di vita della gente che vive in questi piccoli centri montani così come al mare di Gela, in perenne crisi economica.

Il Vescovo ha definito questa parte di Sicilila una «periferia esistenziale». Gente che spesso è in uno stato di rassegnazione pur vivendo in un territorio che si presenta ricco di risorse “ma sottoposto ad un misterioso freno che non permette il coagulo delle iniziative, le quali, pur inaugurando splendidi inizi, tendono repentinamente ad abortire”.

Si spera che tutti noi possiamo capire il valore altissimo della visita del Papa.