Greco: nessuna attenzione da parte di Crocetta per la nostra città. Ospedale in grande difficoltà

Gela tra le città più inquinate d’italia, dovrebbe avere un ospedale di eccellenza, invece più passa il tempo e più la struttura non riesce a dare i giusti servizi al territorio. Sulla questione è intervenuto Lucio Greco, fondatore di Un’atra Gela. 
“L’ospedale di Gela sta rischiando di diventare una struttura di secondo piano, non più capace di dare le giuste risposte alle esigenze sanitarie di un territorio, peraltro, devastato da un lungo ed inesorabile inquinamento ambientale.
Apprendere che somme promesse per migliorare alcuni servizi sanitari essenziali oggi sono a rischio ci portano a pensare che nei confronti della nostra città non c’è alcuna attenzione né da parte del governo regionale né da parte dei politici chiamati a rappresentare il territorio.
Costringere gli stessi medici a organizzare manifestazioni di protesta, rappresenta la prova che la misura è ormai colma.
Certo se Gela, tra le città più inquinate d’Europa, con il triste primato di patologie derivanti dall’insediamento industriale, fosse stata difesa da una classe politica seria e consapevole, oggi avrebbe un ospedale di eccellenza paragonabile alle migliori strutture sanitarie del nord Italia.
Ma i responsabili maggiori di questa drammatica situazione non sono tanto i deputati regionali gelesi, che per scarsa autorevolezza e credibilità non hanno alcun potere decisionale; ma quanto il presidente della regione che, ancora una volta, si sta dimostrando incapace di difendere gli interessi della sua città.
A questo punto non potendo più fidarci di questi esponenti della politica gelese non ci resta che protestare vibratamente per far valere i nostri diritti calpestati da chiunque e chicchessia”.
                             

Articoli correlati