Ha le ore contate l’assassino di Aldo. Ucciso per un cappello di carnevale

Ucciso per  cappello di carnevale scippato dalla testa. È quello che è successo al giovane neo-dottore nisseno morto Aldo Naro ieri sera al Goa, la discoteca vicino lo Zen di Palermo. Ieri il giovane stava ballando all’interno del privée della discoteca, insieme alla fidanzata e agli amici. Una serata tranquilla, fino al momento dello scontro con un altro ragazzo che gli è costato la vita. Intanto i Carabinieri hanno sequestrato i cellulari di gran parte dei presenti: dagli organizzatori ai buttafuori, compresi i ragazzi che erano ai tavoli del privée. E ascoltato una ventina di testimonianze, tra amici e persone informate sui fatti. La procura di Palermo ha aperto un’indagine. In queste ore gli investigatori stanno anche osservando i video delle telecamere interne della discoteca per capire meglio la dinamica dell’accaduto e identificare l’aggressore, che ha le ore contate.  Dalle prime versioni dei testimoni presenti ieri sera al Goa, i fatti si sarebbero svolti in poco tempo. A un certo punto della serata un ragazzo si avvicina a Naro per togliergli il cappello di carnevale che indossava. Prima partono gli spintoni, poi la rissa. Il ragazzo cade e viene colpito alla testa da un calcio. Quando arriva l’ambulanza del 118, sono i barellieri a trasportare il giovane fuori dal locale e da lì all’ospedale Villa Sofia. Dove dopo poco tempo Aldo Naro è morto. Parenti e amici sono sconvolti dall’accaduto. Il giovane neo-dottore, stando alle testimonianze di chi lo conosceva, era un bravo ragazzo. Figlio di un ufficiale dei Carabinieri e di un’insegnante in pensione, aveva l’hobby dello studio, così come iferiscono in lacrime i colleghi universitari. Naro si era appena laureato in Medicina e chirurgia con il massimo dei voti. Una persona perbene, educata. Da circa due anni era fidanzato con una coetanea, Simona. Nei weekend, a volte non tornava a Caltanissetta e rimaneva a Palermo per divertirsi con la sua comitiva di amici. Ieri voleva festeggiare il superamento dell’esame per accedere alla specializzazione di Cardiologia. Ma ieri quel party di carnevale al Goa gli è costato la vita. 

Articoli correlati