I deputati Alongi e Arancio: una seduta della Commissione antimafia a Niscemi

“Chiedereremo al presidente Nello Musumeci che sia convocata una seduta straordinaria della commissione Antimafia, nei locali del municipio di Niscemi” così il deputato regionale Ncd Pietro Alongi e il deputato Pd Giuseppe Arancio, alla luce della serie di reiterate minacce mafiose a vari componenti dell’amministrazione comunale di Niscemi, ultima e inquietante quella della quale è stato vittima l’assessore Giugno a cui, due sere fa, hanno crivellato l’auto con colpi di pistola.
“Una seduta di commissione in questa cittadina del Nisseno – riprendono Alongi e Arancio – che possa rendere il senso di vicinanza tra le due istituzioni e alla quale sarà quindi invitata l’intera amministrazione comunale di Niscemi. Per sottolineare che non bisogna piegarsi, che non ci si deve mai arrendere davanti alle azioni della criminalità organizzata, sempre più colpita nei propri interessi dall’operato delle istituzioni virtuose delle quali evidentemente, e ne sono prova gli stessi atti che vorrebbero essere intimidatori, fa parte il Municipio retto dall’amico La Rosa che si è sempre distinto proprio per la propria attività volta alla trasparenza e al contrasto alla mafia, come testimonia la lunga serie di atti amministrativi a ciò chiaramente finalizzati”. Proprio il primo cittadino di Niscemi, dopo i diversi attentati indirizzati a esponenti dell’amministrazione, tra cui agli stesso a cui sono stati avvelenati due cani, ha dichiarato ieri di essere disposto a dimettersi, per il bene della città. “Niscemi – ha detto il sindaco La Rosa – rischia di tornare agli anni bui. Ho paura per la mia città perché inizio a prendere coscienza di quello che sta succedendo. 

Articoli correlati