Espiazione: amore, immaginazione, guerra e senso di colpa

Espiazione (Atonement) dello scrittore inglese Ian McEwan, pubblicato nel 2001, è uno dei romanzi più acclamati da critica e pubblico.
Diviso in tre parti, nella prima descrive una giornata come tante della torrida estate del 1935 che difficilmente verrà dimenticata, perché un evento cambierà il destino di molte persone. Nella casa di campagna della famiglia Tallis, si attende l’arrivo di Leon, studente a Londra, e Paul Marshall, suo amico e futuro industriale. La tredicenne Briony, dalla fervida immaginazione, ha deciso di dedicarsi alla letteratura e smania di mettere in scena, la sua ultima creazione teatrale, “Le disavventure di Arabella” , scritta per conquistare il fratello Leon e per la rappresentazione coinvolge i suoi cugini venuti dal nord, Lola, Jakson e Pierrota

Il momento cruciale del romanzo è quello in cui Briony, avida di vita da trasformare romanzi, viene trascinata in un vortice di pensieri dalla sua fantasia unita alla sua inesperienza del mondo adulto e dell’amore. Dalla finestra assiste ad un episodio, un po’ ambiguo, fra sua sorella Cecilia e Robbie, figlio della domestica mantenuto agli studi dal signor Tallis, Briony trae delle conclusioni melodrammatiche. La sua immaginazione prende il sopravvento sulla realtà, quando fra le ombre della notte la cugina Lola viene violentata, la tredicenne si convince di aver visto in faccia l’aggressione, senza nessuna esitazione accusa l’innocente Robbie, di quel crimine orrendo, sancendo definitivamente la sua rovina. Briony finisce per farsi della realtà un’idea completamente sbagliata.
Il mondo dei ragazzi per Ian McEwan non è più innocente di quello degli adulti, anzi una catastrofe può essere scatenata proprio dalla più innocua e infantile delle passioni, come quella di fantasticare ad occhi aperti tipico dei ragazzi. Paul è il vero aggressore di Lola, sono i due giovani i veri colpevoli ma a differenza di Briony non sembrano soffrire per la colpa commessa, invece Briony, divenuta scrittrice, si porterà dietro per tutta la vita, quella colpa. Si renderà conto di aver sbagliato, ma è troppo tardi perché l’intera famiglia si schiera contro il povero giovane che non potrà più continuare gli studi, finirà in carcere e poi soldato. Il suo amore per Celia sarà compromesso per sempre?

Nella seconda parte siamo trasportati in piena guerra mondiale, tra Cecilia e Robbie c’è una fitta corrispondenza, il loro amore si rafforza con la lontananza, Cecilia ha rotto i rapporti con la sua famiglia, perché amareggiata per il loro comportamento, si trasferisce a Londra, per lavorare come infermiera, ma i ricordi di quella maledetta giornata non le daranno mai pace. Nella terza parte la narrazione si sposta a Londra, Briony, ormai diciottenne, consapevole di aver fatto soffrire tante persone, per aver accusato un innocente si infligge una punizione: rinuncia al suo posto al college per diventare un’infermiera tirocinante al St Thomas Hospital, in mezzo a soldati agonizzanti, mutilati, sfigurati cerca di espiare la sua colpa…
Alla fine della guerra a Briony lo strumento della scrittura le servirà come espiazione di una colpa mai confessata e mai perdonata.

Il romanzo può essere interpretato come la storia di una formazione letteraria, nella seconda parte la narratrice (come se il romanzo fosse uscito dalla penna di Briony) sembra fare tesoro dell’atroce esperienza della guerra e dalle critiche ricevute dalla rivista letteraria Horizon che le rifiuta una novella, abbandonare cioè l’imitazione dei modelli letterari e cercare una via poetica diversa, dal taglio documentario e più aderente al vero. La maggior parte del romanzo è narrato da una prospettiva femminile: Briony, Cecilia, la signora Tallis ecc., McEwan, per raccontare il mondo attraverso i loro occhi, si rifà alla tradizione letteraria femminile anglosassone attingendo da Jane Austin o Virginia Woolf, i cui amori sono quelli della protagonista e futura scrittrice.

 


FILMIl regista Joe Wright, dopo “Orgoglio e pregiudizio” nel 2007 porta sullo schermo “Espiazione”. Fedele nella struttura al romanzo, Wright suddivide il film in tre parti, che coprono l’intera esistenza di Briony da adolescente colpevole nel ’35, infermiera tardivamente pentita negli anni della guerra, scrittrice apprezzata sul finire della vita. Il film ha ricevuto 7 nomination agli Oscar 2008, vincendo il premio per la Miglior Colonna Sonora grazie al compositore pisano Dario Marianelli.

 


Ian McEWANIan McEwan nasce nella città di Aldershot, in Inghilterra, nel 1948. Studia presso le Università del Sussex e dell’East Anglia, dove è il primo studente a diplomarsi nell’innovativo corso di scrittura creativa di Malcolm Bradbury.
La carriera di scrittore inizia nel 1975 con una raccolta di brevi racconti dal titolo di “Primo amore, ultimi riti”. Per i toni cupi di molte delle sue narrazioni gli è stato affibbiato il soprannome “Ian Macabre”.
Accusato due volte di plagio: la prima per il suo romanzo d’esordio Il giardino di cemento e la seconda per Espiazione.