Idv: Petrolchimico Gela puó divenire hub del Mediterraneo. Sosteniamo la riconversione verde

Sul protocollo di intesa con Eni firmato al Mise il 6 novembre del 2014, interviene Ignazio Messina, segretario nazionale di Italia dei lavori, sottolineando come sia concorde con l’accordo siglato con l’Eni per la riconversione del petrolchimico di Gela in un’azienda green. “Siamo convinti – scrive il segretario nella pagina ufficiale del partito politico – che questo polo industriale, dopo il raddoppio della portata del canale di Suez, possa diventare un vero e proprio hub internazionale dell’intero Mediterraneo. Per queste ragioni Idv sollecita il Governo a predisporre adeguati strumenti di protezione sociale che garantiscano la transizione dall’attuale situazione alla realizzazione di nuovi progetti, e sostiene l’azione dell’amministrazione comunale che è riuscita, insieme alle lotte dei lavoratori di Gela, a trasformare questa vicenda in una questione nazionale.”. Proprio Italia dei Valori è stato l’unico partito che abbia risposto alla lettera inviata dalla Cgil, Cisl e Uil, sui 10 punti per il rilancio di Gela, indirizzata ai novanta deputati dell’Ars e a tutti i gruppi parlamentari. 
 
“Nell’incontro – sottolinea Messina – svolto di recente al ministero dello Sviluppo economico sul futuro produttivo e occupazionale del petrolchimico era presente il sindaco di Gela, già incontrato piú volte da noi di Idv: a questo proposito salutiamo positivamente la notizia della definizione di una data certa per il rilascio delle autorizzazioni che consentiranno di aprire finalmente i cantieri per la ristrutturazione e la bonifica.”