Il Comune di Gela adotta il “codice di comportamento” anticorruzione, per i dipendenti

È stato adottato anche dal Comune di Gela  il Codice di Comportamento della Pubblica Amministrazione. Rispettando  quanto indicato nel Piano Nazionale Anticorruzione, tale  Codice è composto da 21 articoli e  si applica a tutto il personale a tempo indeterminato, determinato, collaboratori e consulenti del Comune e delle sue imprese fornitrici di beni e servizi. Le norme fanno riferimento a “regali, compensi e altre utilità” per il dipendente comunale. 
“Un atto rilevante che adottiamo, superando i ritardi del passato – ha commentato il sindaco Domenico Messinese -, con le dovute finalità di assicurare la qualità dei servizi, la prevenzione dei fenomeni di corruzione, il rispetto dei doveri costituzionali di diligenza, lealtà ed imparzialità”.
Responsabile della prevenzione della corruzione al Comune di Gela è il segretario generale Pietro Amorosia che ha, tra l’altro, proposto alla Giunta Municipale la delibera, sulla quale ha espresso parere favorevole di regolarità tecnica e correttezza amministrativa. La sua conformità è stata invece siglata dall’Organismo Indipendente di Valutazione.
Intanto è stata pubblicata nella sezione amministrazione trasparente del sito del Comune di Gela la procedura aperta alla consultazione per l’aggiornamento del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2016-2018, comprensivo del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2016-2018. I cittadini possono avanzare proposte e osservazioni con l’apposito modello scaricabile dal sito e trasmetterlo entro il prossimo 13 gennaio al segretario generale del Comune per posta elettronica alla mail segretariogenerale@comune.gela.cl.it o per posta ordinaria.