Il Gela sfida il Ragusa dell’ex Nigro

Gela Calcio, Nigro, Ragusa. Non sono tags, ma quello che attende il weekend calcistico, sponda biancazzurra. Ragusa contro Gela Calcio, una sfida che rievoca dolci ma tristi ricordi di un calcio professionistico che Gela, come città, ad oggi può solo sognare o ricordare. Un amarcord arricchito dalla presenza, nella squadra iblea, del difensore

Alessandro Nigro, 22 presenze in C2 nel 2008/09 con il Gela, nell’anno di Cosco, chiuso a meno 1 dal Cosenza, promosso in C1, e con la finalissima playoff persa ai danni del Pescina. Nomi e numeri lontani dal calcio di oggi. Ragusa-Gela, e non potrebbe essere altrimenti, è la sfida di cartello della nona giornata del campionato di Promozione. Due squadre partite con lo stesso obiettivo ad inizio stagione, ovvero la vittoria del campionato. Se il Gela bazzica nelle zone alte della classifica, lo stesso non si può dire della squadra ragusana. Solo 8 punti in altrettante giornate, che fanno del Ragusa la vera delusione di questo scorcio di campionato. Tanti i punti di differenza, ma non eccessiva la differenza dei valori in campo. Una forza che il Gela dovrà dimostrare domenica alle 14.30.

“Andremo a Ragusa per vincere – ammette Brucculeri – ma guai a sottovalutare l’avversario. Troveremo una squadra col dente avvelenato dopo le due sconfitte di fila. La classifica non rispecchia il reale valore del Ragusa, una squadra che ha giocatori di valore assoluto. Sarà una sfida tosta ma ho piena fiducia nella mia squadra”.

Il Ragusa non vince dallo scorso 21 settembre, 2-0 sul Pachino.

Obiettivo tre punti per i ragazzi del presidente Tuccio, per avvicinarsi alla vetta e riprendere la scalata verso l’Eccellenza.

Sempre in Promozione, sfida casalinga per l’Atletico Gela, che attende domani al “V. Presti” il Belvedere. Turno di riposo forzato, invece, per il Macchitella, a causa del ritiro del Valverde.

 

Articoli correlati