Il gelese Giuseppe Montemagno riconfermato presidente Arci. “Fermare la fuga dei giovani con politiche di sviluppo”

Giuseppe Montemagno è stato riconfermato il presidente dell’associazione provinciale Arci, durante l’assemblea congressuale si è svolta sabato 7 aprile a Gela, presso la sede del Circolo Le Nuvole.

All’incontro erano presenti  i delegati dei circoli provenienti da tutta la provincia che si sono confrontati sulle prospettive di sviluppo del territorio caratterizzato, come ha sottolineato lo stesso Montemagno, da un calo demografico notevole soprattutto nella fascia più giovane della popolazione.

“Serve ripensare le politiche di sviluppo – è emerso dalla discussione congressuale – ripartendo dall’enorme patrimonio storico e naturale di cui sono ricchi le nostre comunità, valorizzare le competenze esistenti. Sono necessarie politiche di inclusione sociale che guardino ai reali bisogni delle famiglie e delle persone in una fase di grave crisi economica e sociale.”

Montemagno ha sottolineato le perplessità per la sentenza del Tribunale di Caltagirone che ha assolto tutti gli imputati del processo per abusivismo per la costruzione del MUOS nell’area della sughereta di Niscemi, processo in cui ARCI Sicilia si era costituita parte civile.
“Valuteremo con i nostri legali le motivazioni della sentenza e decideremo quale strategia adottare”.

Al Congresso dell’Arci  sono inoltre intervenuti i rappresentanti di CGIL,
Confcommercio, Movimento Consumatori e Lipu  che hanno avanzato una serie di proposte su cui nel prossimo futuro sarà avviato un confronto nell’interesse del territorio.

Hanno inoltre partecipato ai lavori alcuni volontari provenienti da Finlandia e Messico, impegnati in questi giorni a Mussomeli in un progetto di volontariato internazionale promosso dall’Associazione ArciStrauss.

Presente anche  Salvo Lipari, presidente di Arci Sicilia che ha richiamato nel suo intervento anche i temi più generali che saranno al centro dei prossimi congressi regionale e nazionale dell’Arci, che saranno celebrati a Palermo e Pescara tra maggio e giugno.

Il Congresso ha eletto infine i 14 delegati che parteciperanno al Congresso Regionale ed i componenti del nuovo Consiglio Territoriale che resterà in carica per i prossimi 4 anni.

foto di QdG