Il professor Di Giovanni all’Istituto Mattei racconta la scuola italiana tra criticità e opportunità

Dopo il successo dell’incontro  di venerdì 12 febbraio, con il seminario tenuto dal professor Francesco Pira dell’Università di Messina sulle competenze digitali, oggi pomeriggio  ha avuto luogo un seminario che ha visto come relatore il professore Piero Di Giovanni, presso l’Istituto Comprensivo “E. Mattei” di via Butera, a Gela, diretto dalla prof.ssa Agata Gueli. L’incontro è stato promosso nell’ambito del Piano di formazione e aggiornamento dei docenti. Il professore Di Giovanni insegna Storia della filosofia presso l’Università degli Studi di Palermo. Da sempre ha posto a confronto il pensiero contemporaneo con il pensiero classico. Negli ultimi anni ha promosso il recupero della filosofia italiana contemporanea con una serie di convegni e seminari di studio. Sta portando a termine una Storia della filosofia articolata in quattro volumi. In passato si è dedicato anche ad un’intensa attività sindacale.

Nel corso dell’incontro il professore Di Giovanni ha tracciato un interessante excursus della Scuola pubblica italiana, soffermandosi sulle recenti riforme che hanno investito il sistema educativo e formativo del nostro Paese. Questo, al fine di comprendere le criticità ma anche le possibili opportunità per la realizzazione di un’autentica buona scuola. Il professore Di Giovanni ha stigmatizzato la disorganicità delle riforme degli ultimi anni, puntando invece l’attenzione sulla riforma Berlinguer. L’allora ministro della Pubblica Istruzione dell’Università e della Ricerca aveva organizzato la propria riforma sul “riordino dei cicli di istruzione”, secondo una concezione organica, complessiva del corso di formazione e di studio (dalla scuola materna alla laurea universitaria). Il professore Piero Di Giovanni, inoltre, ha evidenziato – non senza disappunto – il fatto che oggi si discuta soltanto di “didattica” e non più di “ pedagogia”. Vivacissimo il dibattito che ha visto la partecipazione dei docenti della Mattei e il coordinamento del dirigente scolastico prof.ssa Agata Gueli. In molti hanno evidenziato le attuali criticità, le ambiguità e le contraddizioni della scuola pubblica italiana, le difficoltà organizzative e ordinamentali, l’eccessiva burocratizzazione, le scarse risorse economico-finanziarie e comunque la necessità di adeguarsi agli standard europei. La necessità dell’innovazione, del cambiamento. La necessità, l’obbligo – da parte dei dirigenti e dei docenti – di fornire ai ragazzi una formazione adeguata, basata su conoscenze e competenze fondamentali, imprescindibili. All’incontro seminariale ha partecipato anche il professore Marco Trainito che, presso l’Istituto “E. Mattei” di Gela, ha già iniziato un peculiare progetto-percorso dal titolo“A spasso con Platone. Incontri con la filosofia”.

Nella foto la Dirigente dell’Istituto Mattei presenta il professor Pier Di Giovanni dell’Università di Palermo

Articoli correlati