Impianto compostaggio Gela, revoca appalto. Cgil: tutelare i lavoratori

La Cgil di Caltanissetta ha rivendicato oggi pomeriggio il diritto all’assunzione dei 3 lavoratori dipendenti della Balestrieri Impianti s.r.l. che dal Gennaio 2016 gestisce l’impianto di compostaggio dell’ato CL2. L’Ato CL 2, per cause e/o contenziosi sorte, con la Bastrieri Impianti ha rescisso il contratto di appalto . L’impianto di compostaggio é costato svariati milioni di euro ed é stato avviato con una aggiudicazione di 2 anni per quasi 1 milione di euro. La CGIL ha segnalato in apposito incontro avvenuto il 28 febbraio 2017 che la Balestrieri Impianti è in assoluto e grave ritardo nella retribuzione dei 3 lavoratori che ad oggi devono ricevere 6 mesi di salario. Il sindacato chiede un più rigido monitoraggio dei diritti dei lavoratori. “In Sicilia perdere un posto di lavoro significa contribuire alla desertificazione del territorio, in un’area decretata dal Governo Nazionale ‘area di crisi complessa’ perdere 3 posti di lavoro a tempo indeterminato significa dare un ulteriore colpo alla già precaria economia della provincia di Caltanissetta’. Ha detto il segretario Ignazio Giudice. “La legalità trova vita nella corretta applicazione dei contratti e le società, private e pubbliche, hanno il dovere della vigilanza”. Ha continuato Giudice.
Il delagato del Commissario dell’ato CL2, Geometra Mantione, ha assicurato massima attenzione verso le rivendicazioni del sindacato dei lavoratori, annunciando una gara che tuteli ancor di più le maestranze. La Cgil nel ribadire il valore dell’impianto di compostaggio auspica che continui a restare in funzione così da continuare a trattare e recuperare i rifiuti in particolar modo organici e sfalci di potatura. a salvaguardia dei posti di lavoro

Articoli correlati