Inaugurata la Pinacoteca, come intitolarla? La scelta ai cittadini

Da aula di Tribunale a luogo di arte e cultura. L’aula di viale Mediterraneo, un tempo destinata alle udienze penali, oggi viene restituita alla città nella veste di pinacoteca e ospiterà mostre, eventi culturali e matrimoni civili.

Nel pomeriggio di oggi il taglio del nastro da parte del Sindaco Angelo Fasulo e dell’Assessore alla Pubblica Istruzione Giovanna Cassarà, per poi visitare la mostra permanente “In Saecula Saeculorum”, un’esposizione curata dal Maestro Antonio Occhipinti. Le opere, suddivise in tre periodi storici, raccontano la storia millenaria di Gela dalla fondazione allo sbarco e sono accompagnate dalle schede esplicative dello storico Nuccio Mulè. “Da aula che ospitava i processi penali a pinacoteca, una bella metafora per raccontare la trasformazione che Gela ha vissuto in questi anni, da città di mafia a comunità che si apre all’arte e alla cultura – ha dichiarato il Primo cittadino – siamo felici di aver realizzato quest’aula”. Adesso la palla passa alla città: la Pinacoteca infatti non ha ancora un nome, pertanto le scuole e i cittadini attraverso la rete e i social network potranno proporre le proprie idee sull’intitolazione della sala.