Indotto Eni: riprende la protesta

Le amministrative avevano messo da parte i reali problemi della città, i cui disoccupati aumentano di giorno in giorno. Oggi è ripresa la protesta degli operai dell’indotto. Operai della Eurocoop, Eurotec e Cosime, si sono riuniti davanti l’ingresso degli uffici dell’amministrazione Eni, e davanti i cancelli, fin dalle prime ore del mattino. Tutti a richiedere il pagamento dei loro stipendi, senza i quali non riescono più a tirare avanti. Gli operai dell’a Eurocoop  richiedono l’erogazione degli stipendi, non pagati dal mese di Febbraio, altri aspettano ancora i pagamenti della trasferta a Livorno, altri il pagamento della cassa integrazione.  A quanto pare l’Eni dovrebbe dare alla società dell’indotto, circo 200 mila euro. . Anche gli operai della Eurotec, sono in attesa degli stipendi da aprile. Che fine ha fatto l’area di crisi complessa ? E questa la proclamata riconversione? Si chiedono tutti.  Della stessa situazione anche gli operai della Cosime, che già da qualche settimana hanno avviato la mobilitazione fermando i cantieri avviati.