Inquinamento ambientale e malformazioni, depositato un ricorso al Tribunale

È di cento pagine il documento depositato dall’avvocato Luigi Fontanella al Tribunale Civile per ottenere un provvedimento urgente a tutela della salute pubblica, un ricorso dovuto a seguito dell’esito della perizia resa dai tecnici nell’ambito del procedimento sulle malformazioni neonatali legate all’inquinamento industriale.

Cento pagine in cui sono contenute le richieste avanzate da Fontanella, legale rappresentante delle famiglie con bambini nati malformati, tra cui il blocco totale degli impianti, attivi e non attivi, lo stop delle trivellazioni e delle estrazioni dai pozzi e l’obbligo per ENI di implementare le bonifiche previste dal piano ambientale del 1995. A essere chiamate in causa le principali società del gruppo del cane a sei zampe e anche l’amministrazione comunale, come massima autorità sanitaria sul territorio. Trecento ad oggi le firme contenute nel documento, destinate sicuramente a crescere. Per Fontanella è arrivato il momento di provvedere alle bonifiche per dare una boccata d’aria a un territorio in ginocchio.