Interventi sul porto di Gela: definiti i progetti della Protezione Civile. Ieri un incontro a Palermo

Presentati ieri pomeriggio dalla Protezione Civile di Palermo tutti i progetti che riguardano gli interventi da effettuare nel porto rifugio di Gela e che comprendono il dragaggio dell’ intera area portuale,  l’allungamento del  braccio di ponte , il ripascimento della sabbia ,il  piano di cattarizzazione della sabbia.  All’incontro di ieri, che è avventuto presso la Regione Siciliana – Dipartimento Regionale della Protezione Civile di Palermo, erano presenti tra gli altri   i rappresentati delle associazioni ambientaliste di Gela, e il Gruppo di Lavoro (Porto di Gela),  che hanno dato il loro contributo al  benestare dei progetti della  Protezione Civile,  nel rispetto delle norme di legge. Il loro contributo è stato fondamentale per apportare  qualche piccolo intervento nel rispetto della norme ambientali. A breve ci sarà  un ulteriore incontro definitivo alla Protezione Civile per i pareri ultimi da parte degli Enti preposti per i finanziamenti. A ciò seguirà l’avvio lavori. Questi i presenti all’incontro di ieri: per la Protezione civile, l’ing. Foti  e l’ing Calafato; Virginia Farruggia presidente Commissione Ambiente comune di Gela ;  Emilio Giudice dell’associazione Lupi;  Pietro  Lorefice dell’associazione Lega Ambiente ; i consiglieri  Enzo Cirignotta e Toto Scerra del Gruppo di Lavoro (Porto di Gela) ;   Massimo Livoti e  Ascanio Carpino per il Comitato Porto del Golfo Gela . Il coordinamento degli incontri con gli enti proposti è dovuto al presidente del consiglio Alessandra Ascia, nonchè presidente della Commissione Gruppo di Lavoro Porto di Gela.

Articoli correlati