Istituire al Comune di Gela il garante della persona disabile. Lo richiedono Cirignotta e Torrenti

Istituire nel Comune di Gela della Figura del Garante della Persona Disabile, la cui funzione è esercitata a titolo puramente onorifico. Questo quanto chiedono con una mozione indirizzata al presidente del consiglio comunale i consiglieri Vincenzo Cirignotta e Antonio Torrenti.

I due consiglieri sottolineano come la Statuto Comunale all’articolo 3, preveda che l’Ente deve assicurare pari dignità ai cittadini e per tutelarne i diritti fondamentali, anche in riferimento alla normativa nazionale, Legge 3 Febbraio 1992, n. 104, che garantisce pieno rispetto della dignità e dei diritti di libertà e autonomia dei disabili.  “Sulla tematica, senz’altro delicata e complessa, è necessario un approccio integrato al fine di prevenire casi di discriminazione e promuovere per ciascuna persona con disabilità, il pieno godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali favorendo una maggiore collaborazione istituzionale per aumentare il livello effettivo di tutela delle persone disabili e garantire loro piena accessibilità ai servizi e alle strutture ma anche alla salute, all’istruzione, all’informazione e alla comunicazione.” Hanno detto i due consiglieri.

La figura del garante della Persona disabile ha il compito di tutelare a livello locale i diritti delle persone diversamente abili e delle loro famiglie, con l’obiettivo di consolidare il rapporto diretto fra i cittadini e l’Amministrazione.