Istituto Majorana: con Siciliani di Tunisia, il prof. Nicosia dà il via al ciclo di incontri sull’Intercultura

Prenderà il via mercoledì prossimo 14 febbraio, alle ore 11:00, presso l’aula magna dell’Istituto E. Fermi di Gela (c.da Marchitello) un ciclo di incontri dal titolo “Una strada verso l’educazione interculturale”.

Diversi gli esperti che relazionaranno su un tema molto attuale come quello dell’integrazione in un Paese diventato multietnico e ancora non totalmente aperto all’accoglienza.

Il progetto, che è rivolto ai docenti dell’istituto Majorana retto dalla dirigente dott.ssa Carmelinda Bentivegna, sarà inaugurato dal prof. Aldo Nicosia, docente di Lingua e Letteratura araba, presso l’Università degli studi di Bari. Il prof. Nicosia disserterà sulla “Memoria dei siciliani di Tunisia”: un modo per sottolineare come in un’epoca non così lontana il Canale di Sicilia veniva attraversato al contrario. L’attività formativa è stata ideata dalla prof.ssa Rosi Antinoro e dalla prof.ssa Sonia Madonia, ed è stata accolta con entusiasmo dalla dirigente Bentivegna.

I massicci flussi migratori obbligano la società, e soprattutto la scuola, a prendere atto di un processo sociale complesso. L’educazione interculturale diventa uno strumento fondamentale per sviluppare competenze di cittadinanza globale.

Del resto l’Istituto E. Majorana è stato sempre aperto alla tematica interculturale. Nel corso di questo anno scolastico gli alunni della quinta classe del Liceo Artistico, hanno partecipato al Progetto, promosso dal Miur in collaborazione con il Comitato 3 Ottobre , “L’Europa inizia a Lampedusa”. Una quattro giorni di workshop, laboratori e confronti con altri studenti e studentesse provenienti da tutta Italia, sul tema dei migranti nell’isola simbolo dell’accoglienza.