Jazz e Torre: si riconferma il successo dell’evento. Appuntamento al prossimo anno

In tantissimi hanno seguito i tre appuntamenti con D-Jazz alla Torre. Musica dal vivo, uno splendido panorama sotto la torre settecentesca, e un tramonto mozzafiato, sono stati gli ingredienti che hanno confermato il successo dell’iniziativa arrivata alla sua quinta edizione.

Ideata dall’assessore Giuseppe Ventura, gli incontri della domenica tra natura e musica hanno visto sempre una maggiore partecipazione di gente di tutte le età. Da Simmon Ascia a Daniele Tignino, da Dario Melodia a Vincenzo Callea, e Lucio Pappardo, tanti i musicisti che si sono alternati nelle tre domeniche di agosto. Ieri la serata conclusiva con video mapping di Francesco Scelba.

Un modo per rivalutare un luogo spesso abbandonato all’incuria ha detto Giuseppe Ventura.

L’inziativa è nata nel 2003 quando lui era assessore al Turismo ed è continuata grazie al contributo dei privati e amici che hanno aiutato a promuoverla. La torre è di proprietà privata. Ed è proprio grazie  al successo della rassegna che  i proprietari hanno presentato un progetto di valorizzazione del sito, che prima dei pomeriggi Jazz era totalmente avvolto dalle sterpaglie. Vi è tutta l’intenzione di una nuova edizione estate 2018.