L’ applauso della città a Giacomo Giurato, premiato come “Personaggio dell’anno”

A consegnargli il premio come personaggio dell’anno per meriti sociali è stata proprio Carmen Santonastaso, la sorella di Esmeralda, la bambina gelese guarita dalla leucemia grazie alla donazione.

Non poteva essere una serata più emozionante quella di ieri, sul palco allestito alla rotonda est di Macchitella per la finale del concorso canoro “Eleonora Lavore”, per Giacomo Giurato, al quale è andato un riconoscimento condiviso da tutta la città. Sin dai primi annunci infatti i cittadini avevano subito manifestato il proprio apprezzamento e il proprio affetto nei confronti di un personaggio noto in città soprattutto per la sua caparbietà e determinazione.

Il messaggio della donazione è sempre stato al centro del suo impegno quotidiano in città e fuori dal contesto locale. Sempre lì, pronto a sensibilizzare su un tema importantissimo come quello del donare per salvare gli altri, superando i dubbi di chi avrebbe voluto farlo, ma aveva paura. C’era lui nei gazebo allestiti di volta in volta in piazza o a Macchitella, ancora lui con quel naso rosso a strappare un sorriso ai piccoli ammalati e a suggerire loro che il cuore della gente è grande e che una speranza, anche nella situazione più buia, c’è sempre. C’era lui accanto alla famiglia della piccola Esmeralda per far forza a lei e alla sorella, che le ha donato la vita, la possibilità di ricominciare.

Un riconoscimento che è un po’ il ‘grazie’ della comunità che si è stretta in un lungo applauso a Giacomo Giurato e al suo essere “amico delle battaglie difficili”. Persone così possono solo aiutare il mondo a essere migliore.