L’archeologa gelese Angela Catania, tra le 6 protagoniste che raccontano la Sicilia nel film “Cose di donne”. La prima all’Antidoto

Parla della Sicilia dal punto di vista femminile. il film documentario  “Tà gynaikeia. Cose di donne”, che sarà proiettato al cineteatro Antidoto, il 18 marzo prossimo alle ore 21:00.  Sei storie di donne che hanno in comune l’essere nate in una terra “fimmina” per eccellenza, con i suoi miti, le sue leggende che si sono avvicendate  e sovrapposte nel tempo. Il  docufilm “Tà gynaikeia. Cose di donne”, del regista augustano  quarantenne  Lorenzo Daniele, che ha vinto  il premio Acheoblogger, alla XXVI rassegna internazionale del cinema archeologico di Rovereto. E tra le donne  protagoniste c’è l’archeologa gelese Angela Catania, presidente dell’Archeoclub giovani, che è stata costretta ad andare all’estero per approfondire i suoi studi. E tramite  le immagini e il racconto di   Angela, che    Gela diventa  protagonista con la collezione museale, il santuario di Bitalemi. Un viaggio al contrario che guarda  mondo delle donne, dal passato prossimo al passato remoto. Le sei testimoni rappresentano sei diversi punti di vista, ma anche sei differenti territori, che sono quelli da cui provengono: oltre alla Gela antica raccontata da Angela Catania, quasi come riscatto della Sicilia, c’è la Troina devastata dalla guerra mondiale e che cerca di uscire dalla miseria, di Angela Guagliano;  un’anziana donna,l’82enne Concetta Venezia (scomparsa nel 2015, poco dopo la sua testimonianza) che ha deciso di spendere la propria vita nella cura e educazione dei bambini con difficoltà; la Palermo polverosa e un po’ provinciale della fotografa Letizia Battaglia, famosa per i suoi scatti nei luoghi della mafia e del dolore; l’Agrigento delle pietre antiche di Simonetta Agnello Hornby; Vittoria, i carrubi e i vigneti di Arianna Occhipinti, che lascia Milano, per produrre il vino della sua terra; la Siracusa del mito e del teatro in cui si trova a recitare la catanese Donatella Finocchiaro. Queste sono le sei protagoniste di Tà Gynaikeia, traduzione dal greco Cose di Donne, film del regista  Lorenzo Daniele con i testi di Alessandra Cilio, archeologa specializzata in comunicazione dell’antico, prodotto da Fine Art Produzioni srl con il contributo della Film Commission Sicilia, all’interno del programma Sensi Contemporanei. Il film, è stato girato in 50 giorni, tra il gennaio 2013 e maggio 2015. L’appuntamento è quindi per il 18 marzo prossimo, al cine Teatro Antidoto di Macchitella, dove dalle ore 21:00 è possibile assistere alla proiezione del film. Saranno presenti il regista, Lorenzo Daniele, Alessandra Cilio, e Angela Catania. L’iniziativa è stata  promossa dalla sezione giovani dell’Archeoclub d’Italia sede di Gela. Fondamentale la collaborazione con il Museo Archeologico di Gela. 
 Ingresso gratuito (fino ad esaurimento posti). E’ richiesta massima puntualità
 
 

Articoli correlati