L’illuminazione non sarà più privata. “Useremo quei 44milioni di euro per ottimizzare gli impianti”

L’illuminazione pubblica non sarà più privata. Un gioco di parole che testimonia il cambio di rotta proposto dall’amministrazione comunale. Attraverso una delibera, infatti, è stata revocata la gara d’appalto alla CPL Concordia, l’associazione temporanea di imprese in cui rientrano anche il Consorzio Cooperative Costruzioni e la gelese COGE Impianti, sull’illuminazione pubblica. Una gara da quarantaquattro milioni di euro in vent’anni. La decisione è scaturita da una proposta dell’assessore Nuccio Di Paola che ha commentato l’azione come “un gesto dovuto a tutela dei cittadini e di Gela”, a seguito anche dell’inchiesta sulla società bolognese, coinvolta nei fatti di Ischia. “Utilizzeremo i quarantaquattro milioni di euro in modo differente – ha commentato il Sindaco Messinese – ottimizzando ugualmente gli impianti”.  Il servizio di illuminazione adesso potrebbe passare alla Ghelas Multiservizi.

Articoli correlati