L’Italia dei valori sosterrà i 10 Punti per Gela. Sciopero contro la chiusura Eni il 19 febbraio

L’Italia dei Valori condivide e sosterrà, con i propri rappresentanti in parlamento, i 10 punti che sindacati, associazioni di categorie, commercianti e cittadini hanno inviato ieri ai 90 parlamentari della Regione Sicilia e che riguardano la Vertenza Gela.  La comunicazione è arrivata dal segretario nazionale dell’Idv Ignazio Messina. “La vicenda di Gela – ha detto  Messina- ruota tutta intorno a un solo punto: la sfida nel trasformare un problema qual’ è il petrolchimico di oggi in una occasione di futuro legata alla trasformazione in attività green sia da parte di Eni sia da parte di nuove imprese che possono nascervi intorno.
A  Marghera l’Eni, è riuscita in questo passaggio e non si capisce perchè a Gela vi siano delle difficoltà nel superare gli ostacoli buracratici nel rilascio delle autorizzazioni all’avvio dei cantieri. 
“Uno dei passaggi fondamentali di IdV è quello di considerare il territorio il luogo di relazione a partire dal Comune per farsi che questa grande impresa non sia disturbata o addirittura azzerata da ingerenze malavitose. La Sicilia – conclude il segretario Messina- ha diritto ad un riscatto e quindi ad avere un’occasione per ridare lavoro vero e un’industria sana che sta sul mercato. Queste sono le ragioni che ci spingono a condividere i 10 punti e a sostenere l’iniziativa di sciopero generale il  19 febbraio sulla vertenza Gela”.