La S.P. 8 Gela-Butera, un inferno! La Filca Cisl chiede interventi urgenti e un incontro con i sindaci

 

Quei venti chilometri, che separiano Gela e Butera, cioè la S.P 8, è un inferno, una eterna condanna per tutti coloro che devono percorrerla. Un sofferenza per i residenti dei Comuni e per l’economia che gravita in questi territori. Questo è il grido di allarme di Franco Iudici e di Nunzio Mangione, rispettivamnete segretario generale e responsabile di Gela, della  Filca Cisl Caltanissetta. “La spettacolare frana nei pressi della discarica Cipollina – sottolineano i due sindacalisti – staziona perennemente senza che qualcuno intervenga per renderla sicura. Il rischio di incidenti stradali diventa inesorabile soprattutto nelle ore serali per la mancanza di una segnaletica luminosa. Il degrado e lo stato di assoluto abbandono sono evidenti”. I sindacalisti chiedono un intervento urgente, prima che ci sappi la tragedia, e chiedono un incontro urgente al Commissario Straordinario della ex Provincia di Caltanissetta con la presenza dei sindaci di Gela e Butera.