La Tekra è pagata ma non paga i lavoratori. Interrogazione di Panebianco

Una interrogazione su mancati pagamenti lavoratori Tekra, è stata presentata al sindaco Messinese, e al presidente del consiglio comunale Alessandra Ascia, dal consigliere Giovanni Panebianco. Ai lavoratori non sono stati corrisposti gli stipendi febbraio e marzo 2016, nonostante il comune di Gela abbia provveduto al pagamento alla Tekra della fattura relativa al mese di marzo 2016. “Il contratto con la società che gestisce i  rifiuti solidi urbani, prevede che questa proceda al corretto e puntuale adempimento dei contratti di lavoro con obbligo per il Comune di Gela di vigilare sulla esatta esecuzione ed in caso di protratto inadempimento di risolvere il contratto in essere”, ha sottolineato il consigliere che ribadisce come il mancato pagamento, oltre a violare la costituzione e gli obblighi del Ccnl, porta ad un ritardo dei pagamenti dei rispettivi creditori da parte dei lavoratori.  “L’Amministrazione Comunale deve tutelare il diritto alla retribuzione dei lavoratori a maggior ragione quando la stessa Amministrazione adempie puntualmente ai pagamenti”, ha detto il consigliere che si chiede quali atti l’Amministrazione Comunale ha avviato o  intende porre in essere al fine garantire la corretta retribuzione ai lavoratori della Società Tekra, se intende  surrogarsi al datore di lavoro, come previsto dal capitolato. 
 

Articoli correlati