Lega Gela sull’arresto per voti di scambio: non accettiamo leadership Pagano

Il Movimento Politico Confederale gelese Lega per Salvini premier “Gaetano Filangieri”interviene sull’arresto del  commissario straordinario per i comuni della provincia di Palermo Salvatore Caputo, con l’accusa di voto di scambio.

Il movimento gelese si dichiara completamente in linea con  le dichiarazioni di Francesco Vozza su  “Il Fatto Quotidiano” :Un anno fa venni sostituito proprio da Salvino Caputo alla guida del movimento per volontà di Alessandro Pagano, che mi scaricò in malo modo”.

 Pagano ha ucciso un’intera classe dirigente emergente per sostituirla con condannati, riciclati e persone che in generale non c’entrano nulla col progetto di Matteo Salvini“, ha affermato Vozza. 

Pertanto (e credo di poter parlare a nome di tantissimi militanti), da oggi non accetteremo più la leadership dell’onorevole Pagano – ha aggiunto l’esponente leghista – La Sicilia non merita questo schifo e come Lega avremmo dovuto importare il modello Zaia, non certo questa vergogna che porta proprio il nome di Pagano”.

“Come detto – ha affermato il coordinatore pro-tempore Massimo Vella- ci associamo a quanto dichiarato da Vozza e reiteriamo l’auspicio che gli organi nazionali della Lega approfondiscano la situazione verificatasi in Sicilia, che andrà analizzata per rilevare gli errori fatti, come ha dichiarato l’onorevole Giancarlo Giorgietti.”

“Questa occasione ci dà maggiore spinta per ribadire il nostro impegno a Gela, ma non ancorati a Alessandro Pagano, uso a minacciare ridicoli ricorsi alla Digos verso chi non si piega al suo volere.” Ha continuato

“Sotto il profilo penale, ribadiamo con convinzione il rispetto degli indagati, dovere in uno Stato che è garantista e in cui un indagato è colpevole solo con sentenza in giudicato. Sotto il profilo politico però ribadiamo quanto già detto da Francesco Vozza: la leadership autocratica di Alessandro Pagano è infondata. Per questo, chiediamo un celere confronto con l’unico deputato regionale in carica e una interlocuzione con i dirigenti della Lega, per avviare quanto prima il processo congressuale dai movimenti di base. ” Ha concluso