“Leggere è un piacere e fa bene”, alla Verga fa tappa “Libriamoci”

“Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole”. È questo il titolo dell’iniziativa che ha fatto tappa all’istituto comprensivo “Giovanni Verga”, diretto dalla Preside Viviana Aldisio e che è stata promossa dal Centro per il libro e la lettura e dalla Direzione generale per lo studente con lo scopo di diffondere il piacere per la lettura a partire proprio dai più piccoli.

Gli alunni nell’auditorium hanno avuto modo di divertirsi grazie alle letture espressive di racconti e storie per bambini, rappresentazioni teatrali che li hanno visti protagonisti e brani musicali. A intrattenerli Giuliana Fraglica, lì per presentare il suo libro dal titolo “Scintilla” e Gabriele Terranova, finalista del premio “Campiello Giovani”. “La lettura non serve solo a crescere, come si è solito dire – ha affermato Terranova – ciò che bisogna trasmettere deve essere il gusto, il piacere della lettura, è questo che si deve dire e insegnare ai bambini: leggere è bello”. “I più piccoli devono essere curiosi – ha aggiunto Giuliana Fraglica – perché la curiosità stimola la fantasia. Devono imparare a ritagliare degli spazi al giorno da dedicare alla lettura, leggere non significa finire un libro intero in una giornata, ma gustare una, due paginette per volta e imparare così ad amare anche ciò che a loro, ancora piccoli, può sembrare noioso e antipatico da fare”. “L’obiettivo è chiaro – ha concluso la professoressa Lina Orlando, sempre in prima linea nelle iniziative culturali ed educative – invogliare al piacere della lettura. In Sicilia, purtroppo, c’è il più basso numero di lettori e questo dispiace. Leggere fa bene in tutti i sensi e questo dobbiamo promuoverlo a gran voce”.