Licata, custode aggredito alla Villa Elena la solidarietà del Sindaco Cambiano

Licata – Venerdì scorso, un dipendente del Comune, addetto al servizio di vigilanza presso la Villa comunale Regina Elena è stato aggredito da alcuni giovani ai quali aveva intimato di tenere  un comportamento consono all’interno della struttura pubblica, per il rispetto di quanti altri la frequentano e la tutela dei beni.
<<Quanto accaduto presso la  Villa comunale Regina Elena venerdì scorso , è semplicemente inaudito e va condannato senza se e senza ma – sono le parole del Sindaco  Angelo Cambiano,  direttamente informato dell’accaduto da parte dello stesso malcapitato dipendente-. Al nostro dipendente va la solidarietà del sottoscritto e di tutto quanta la Giunta municipale, e l’auspicio è che le forze dell’ordine, già informate di questo increscioso  episodio, possano al più presto risalire agli autori dell’aggressione all’interno di una pubblica struttura regolarmente aperta al pubblico e frequentata da famiglie con bambini, giovani    e anziani e da quanti amano trascorrere un po’ di tempo immersi nel verde senza doversi spostare dal centro.
Sicuramente, quanto accaduto venerdì scorso è il frutto di un gesto inqualificabile, incivile, che non può assolutamente trovare alcuna forma di giustificazione. Da ciò il nostro impegno e l’invito alle tutte le istituzioni presenti sul territorio, a partire dalla famiglia, perchè intervenendo ognuna per la parte di competenza, possa contribuire ad arginare tali inqualificabili e ingiustificabili gesti, sia a carico della cosa pubblica che dei beni privati>>.

Articoli correlati