Licata: ritorna il Melt Fest, cibo e cultura del mediterraneo

Chef decoratori, pasticceri e artigiani  professionisti siciliani si raduneranno nella cittadina di Licata in cui cibo e cultura della terra mediterranea si confronteranno attraverso degustazioni e decorazioni.

Anche quest’anno, dopo il successo ottenuto la scorsa estate torna la fiera “Melt Fest” ovvero Mediterraneo, Identità e Contaminazione.

È stato revocato l’annullamento di questo prestigioso evento che rischiava di non verificarsi a causa di mancanza di fondi nelle casse comunali.

L’evento è giunto alla seconda edizione, gli organizzatori hanno annunciato che si svolgerà anche quest’estate nel cuore dell’antico  e suggestivo quartiere “Marina”. Lo scorso anno l’evento si è svolto il 7 e l’8 luglio e nei due giorni ha visto la presenza di turisti stranieri, associazioni culturali e di volontariato e cittadini interessati. Si parte da una gara fra chef professionisti e pasticceri che si confrontano preparando dolci di origine araba la cui tradizione ha la base della pasticceria siciliana.

La degustazione vuole promuovere l’accoglienza, la pace fra i popoli, l’integrazione la socializzazione.

Lo scorso anno la giuria presieduta da Pino Cuttaia, famoso chef licatese, ha assegnato il primo premio a Lillo La Mattina proprietario di una nota pasticceria di Ravanusa che ha preparato e realizzato in maniera del tutto professionale la “raviola” di ricotta.

Ben 7 concorrenti si sono sfidati l’anno passato tra cui Abibata Konàd della costa d’Avorio e la pasticcera Marème Sish, inoltre le ragazze hanno avuto l’onore di vincere più volte il “Couscous Fest” a San Vito Lo Capo. Alla prima edizione hanno partecipato ben quattordici aziende enogastronomiche siciliane di cui tutte hanno confermato la presenza di partecipazione per questo secondo entusiasmante appuntamento.