Licata, tanto pubblico al convegno Inner Wheel sulla prevenzione del tumore al seno

Licata -“Notevole indice di gradimento, sala gremita, platea attenta alla bontà del messaggio offerto”.

Con queste parole, la Presidente dell’Inner Wheel di Licata, Avv. Patrizia Urso Malfitano, ha commentato il successo e l’interesse del Convegno di Prevenzione senologica, tenutosiSabato 30 Aprile, presso la Sala del Carmine, di concerto con l’Associazione no profit IL QUADRIFOGLIO ROSA- “NON FACCIAMOCI SORPRENDERE”.

“Il nostro intento, quale onlus, è quello di dare le giuste informazioni per poter fare prevenzione-afferma il vice presidente de “Il quadrifoglio rosa, F. Millefiori- la nostra associazione, con lo slogan “NON FACCIAMOCI SORPRENDERE” si prefigge lo scopo di sensibilizzare tutti, donne e uomini di ogni età, data l’incidenza delle neoplasie oncologiche, nello specifico, quella del tumore al seno”.

La disamina della metodologia di prevenzione senologica è di grande interesse per noi donne e non solo; i dati statistici ci raccontano che, una donna su otto, si ammala tra i 35/45 anni.

“Già in età adolescenziale è opportuno informare dei metodi e degli strumenti di prevenzione, primo fra tutti, quello dell’autopalpazione dei seni per verificarnei mutamenti di forma e colore–relazionailDirigente Medico del Nuovo oncologico ARNAS di Palermo, Dr. Giuseppe Imbornone,già Presidente dell’omonima associazione- già a ventanni è buona pratica fare una visita senologica;le giovani generazioni devono sapere cosa che cosa èun’ecografia alla mammella, una mammografia e, ancor più, conoscere l’importanza di un ulteriore strumento di indagine medica, quale è la risonanza magnetica del cavo ascellare. E’ lì che si trovano i linfonodi sentinella-spiega il Dr.G.Imbornone-la tempistica di indagine e le tecniche di prevenzione al seno sono fondamentali per prevenire l’insorgenza di masse tumorali. Visita ed ecografia vanno fatte ogni sei mesi/anno.”

La prevenzione oncologica si fa a tavola. “Noi siamo ciò che mangiamo”!

Quale rituale più gradito a noi, popolo mediterraneo, legato ai piaceri della tavola.

Esaustiva e chiara, la relazione della Dr.ssa Rosaria Greco, nutrizionista nonché socia Inner Wheel, che ha precisato, con dovizia di particolari e slides esemplificative, l’importanza della dieta mediterranea per il consumo di pesce, verdura e frutta. “Si deve adottare non un regime dietetico, ma una corretta associazione e rotazione degli alimenti, così da equilibrare il nostro metabolismo, proteggendo, il sistema immunitario-spiega la nutrizionista Dr.ssa Greco- gli squilibri alimentari intaccano il nostro organismo, favorendo la formazione di neoplasie tumorali.”

“Importantissima l’attività fisica per il benessere psico-fisico della persona”- esordisce la Fitness Trainer, R. Guardino che, con un intervento molto semplice, ha inteso spiegare i modi in cui il movimento produce benessere generale e ci libera dallo stress della vita frenetica di ogni giorno. “E’ necessario trovare degli intervalli di tempo da dedicare alla cura del corpo impegnandosi nell’attività fisica, magari da tre a due volte alla settimana, per circa un paio d’ore”.

La conclusione del Convegno è stata del vice presidente dell’Associazione “Il quadrifoglio rosa” ( NON FACCIAMOCI SORPRENDERE!) che, nel dirsi soddisfatto dell’interesse e della sensibilità mostrata dal pubblico, ha ribadito l’invito alla prevenzione.

Ha chiuso i lavori, la presidente dell’Inner Wheel, Avv. Patrizia Urso Malfitano che ha ringraziato l’Associazione, gli illustri relatori e quanti sono intervenuti.

Articoli correlati