Lions Club Gela: 53 anni di iniziative per il territorio

Sono trascorsi 53  anni da quando il Lions Club di Gela ha iniziato ad investire per iniziative per il territorio. Un anniversario per cui  i soci, sabato 30 aprile,  hanno organizzato una grande festa con   il loro presidente Antonio Gagliano.

Per l’occasione vi è stato il gemellaggio con i clubs di Termini Imerese Host e Termini Himera Cerere rappresentati dai presidenti Giuseppe Canzone e Fabio Lo Bono.

Presenti tra gli altri, il presidente internazionale 1994-1995Pino Grimaldi, il past governatore del Distretto 108YB ing. Salvatore Ingrassia, i presidenti di Circoscrizione Massimo Giordano e Maria Annunziata Di Francesco, il delegato ai gemellaggi P.I. Riccardo Roccella, il segretario di Circoscrizione Francesco Butera, l’assessore Francesco Salinitro in rappresentanza del Comune di Gela, la fondatrice della Pro Loco Gela  Fabiola Polara

Nel Suo intervento il Presidente Gagliano ha evidenziato che tanto tempo è passato da quando 16 persone, unite nel senso vivo dell’amicizia, rappresentanti di tutte le categori, hanno deciso di dare vita al Lions Club  di Gela, e con il susseguirsi di tanti presidenti, si sono attuati  services e  tante iniziative sul sociale e sul territorio.

Il Lions Club ha dato anche sostegno ai programmi di solidarietà per la prevenzione della cecità e di altre patologie.

Tante le tappe raggiunte.  L’itinerario turistico nell’ambito di articolati gemellaggi con i Clubs di Agrigento Host e Siracusa Host, volto innanzitutto alla promozione del territorio e alla conservazione della memoria storica denominato “sul cammino di Gelone”, che muove dalla città dei templi per transitare in quella delle mura timoleontee e quindi giungere a quella ionica che ospita l’impareggiabile teatro.

Ed ancora, l’idea di riprodurre, così divulgandone la conoscenza e l’intramontabile idea di bellezza che esse trasmettono, le aree fittili di recente scoperta che i più grandi musei si contendono per poterle esporre. E così pure l’altro “itinerario turistico archeologico”,  Gela-Butera–Mazzarino– Caltanissetta-Piazza Armerina-Caltagirone-Niscemi, in occasione del Gemellaggio con il Lions club di Roma Amicitia.

La raccolta di  antiche storie ed usanze popolari pubblicate nel volume “Storie e Usanze Popolari di Gela”.

Per migliorare l’immagine di Gela il Club ha donato, in occasione dei 2700 anni della fondazione di Gela, il progetto “riqualificazione del giardino del peripatio” che riguarda l’area sita di fronte al Liceo Eschilo di Gela. Il progetto sviluppa il concetto di peripatio, il viale che circondava il Liceo fondato da Aristotele e dove lo stesso filosofo teneva le sue lezioni passeggiando.

Per l’occasione di Expo 2015, nella Piazzetta Sicilia, il Lions Club di Gela ha consegnato un video sulle eccellenze storico-paesaggistiche-culinarie personificate nella figura di Archestrato da Gela, video prodotto dalla Pro Loco.

 

Continuando la relazione il Presidente ha fatto presente che anche, in questo hanno sociale, il Lions Club ha cercato di proseguire la strada e lasciare qualche traccia del suo impegno lionistico che è innanzitutto servizio per la comunità e per il prossimo.

In corso il “Progetto Martina” per la prevenzione volta alla presa di coscienza da parte delle giovani generazioni sui rischi delle patologie tumorali e sugli stili di vita che servono a prevenirle. Ma il lavoro si è più incentrato su due temi. Il primo è stato quello di suscitare una riflessione sul significato, sul ruolo, sul valore della dignità in questo contesto attuale, di odio, di disprezzo della condizione umana perchè la dignità è premessa di condizione di uguaglianza e al tempo stesso, è espressione e frutto di solidarietà; è fondamento e limite di libertà.

A tal proposito è stato organizzato un convegno con la partecipazione del Presidentedella Corte Costituzionale, già Ministro di Grazia e Giustizia, Prof. Giovanni Maria Flick e altri studiosi sul tema “dignità del reo e del suo reinserimento”. Il  Convegno terminato con l’affidamento, da parte del Comune di Gela, al Lions Club. di una area pubblica da rimettere in sesto avvalendosi del lavoro di una cooperativa di ex detenuti. Il secondo tema è il Gemellaggio con i due clubs di Termini Imerese.

Articoli correlati