Lotta alla contraffazione: sequestrati oltre 400 pezzi di abbigliamento e prodotti

Sequestrati oltre 400 pezzi di abbigliamento e prodotti sprovvisti del cosiddetto Codice di consumo.

L’operazione è stata svolta lo scorso week-end dalla Guardia di Finanza di Mussomeli, durante la festa del Santo Patrono di Milena, nell’ambito dei servizi predisposti a livello provinciale, finalizzati all’attuazione del “Piano Nazionale di contrasto all’economia illegale e sommersa durante la stagione estiva 2018”, sotto il coordinamento del Comando Provinciale di Caltanissetta, ha notevolmente intensificato l’azione di controllo del territorio.

I capi di abbigliamento erano esposti su una bancarella e criproducevano marchi contraffatti come “Adidas”, “Juventus”, “CR7” e “Scuderia Ferrari”, privi  privi di una serie di indicazioni obbligatorie in lingua italiana (provenienza, tipologia di prodotto, materiali impiegati, istruzioni, precauzioni e destinazioni d’uso) dirette a garantire la corretta e completa informazione al consumatore relativamente alle caratteristiche dei beni in vendita, facilitandone, in questo
modo, la scelta nel momento dell’acquisto.

Il commerciante, per la violazione del reato di contraffazione è stato deferito alla competente Procura della Repubblica di Caltanissetta.

Nello stesso intervento, è stato anche controllato un commerciante ambulante extracomunitario, con regolare permesso di soggiorno, che esponeva per la vendita accessori per smartphone, cellulari ed altro materiale elettrico ed elettronico privo dei requisiti minimi in materia degli standard di
sicurezza contemplati.
Il commerciante veniva segnalato alla C.C.I.A.A. competente per l’irrogazione delle sanzioni amministrative previste e la merce non sicura veniva posta sotto sequestro amministrativo.

I controlli effettuati dalla Guardia di Finanza s’inquadrano nel più ampio contesto dell’intensificazione delle attività a tutela del “Made in Italy”, della sicurezza prodotti e dei “marchi registrati” che, come noto, rivestono un settore strategico per l’economia nazionale.