Lucarelli: l’arbitro avrebbe dovuto sospendere la partita. Nessuno mi ha chiesto scusa

L’arbitro avrebbe dovuto sospendere la partita. Invece non solo non lo ha fatto ma è stato anche permesso di continuare a mostrare lo striscione nella curva del Gela Calcio. Questo Selvaggia Lucarelli ha sottolineato, dopo il coro di offese rivolte a lei da parte dei tifosi, che ancora una volta hanno fatto conoscere la parte peggiore della città. “Una decina di giorni fa, durante il mio programma su M2o, ho detto «Gela non è bellissima»di più. Da quel momento hanno cominciato a fioccare insulti sulla mia pagina twitter, fb e instagram (non tantissimi per fortuna). Un assessore locale s’è scomodato a dichiarare alla stampa che avevo detto una cretinata e così via. Non voglio soffermarmi sui tanti argomenti che si potrebbero sollevare (Gela città è devastata da abusivismo edilizio e mille altri problemi che non si possono riassumere qui ma che gli abitanti conoscono bene, questione Eni in primis), ma ribadisco che non è una città bellissima (e sono generosa) e che ho tutto il diritto di dirlo. (parlo della città da un punto di vista urbanistico, non del territorio)
Detto ciò, mi va benissimo che i gelesi difendano la loro città. Va meno bene che domenica venga esposto questo striscione nella curva del Gela calcio. Che il forum del Gela calcio lo posti con fierezza”.  Selvaggia ha ribadito che non la farà passare liscia ai responsabili, anche perchè per i comportamenti delle curve esistono sanzioni. “Nessuno mi ha chiesto scusa e segnalo tutto alla Lega nazionale dilettantie al presidente Lega Calcio Santino Lo Presti”.