Mancano i dati ufficiali dei casi di tumori a Gela: al via il censimento. Ecco come aderire

In virtù dell’aumento esponenziale dei casi di tumore che colpiscono la popolazione gelese, e dei dati mancanti sui malati di cancro in città, l’associazione Farc & C (Fondere Assistenza Ricerca Cancro & cultura) ha proposto  un censimento dei casi di tumori nella città del Golfo. L’iniziativa è stata accolta dalla V Commissione Sanità del Comune di Gela, e oltre al contributo della stessa associazione vi sarà quello dei  liberi cittadini che vorranno unirsi.

È prevista la  presentazione di un semplicissimo questionario, strutturato e compilato su base volontaria con semplici campi da riempire e campi a risposta multipla, a tutti i residenti del comune di Gela in modo da mappare il più realisticamente possibile la diffusione di Patologie Oncologiche su tutto il territorio cittadino.

Il modulo dovrà essere compilato in ogni sua parte per consentire l’analisi dei daticontenuti. Sulla base dei dati raccolti in forma aggregata ed anonima  e degli elementi statistici e loro valutazioni verranno presentate istanze e proposte presso i vari enti allo scopo di favorire il miglioramento dello stato di salute del cittadino del comprensorio gelese.

Negli ultimi anni- ha sottolineato la Commissione presieduta da Viginia Farruggia- si è notato un incremento dei tassi di incidenza per patologia tumorale in entrambi i sessi. I pazienti oncologici sono molto più giovani rispetto agli ultimi 10 anni. Inoltre vi è un aumento costante della probabilità di sopravvivere dopo la prima diagnosi di patologia oncologica. L’ incremento costante del numero di nuovi casi prevalenti è determinato, da un lato, dall’aumento della speranza di vita alla nascita, con il conseguente aumento del numero di nuovi casi tra gli anziani, e dall’altro, dalla migliore sopravvivenza per tumore.

Un numero sempre crescente di persone con passata storia oncologica determina un costante aumento della domanda sanitaria.

Sarà   possibile accedere al Censimento attraverso il sito web https://script.google.com/macros/s/AKfycbzbCsIvQwSLG0hjS8RTU0BIUjEIDgmO6i2-s6GbBjJSPlnbnBfD/exec  per poter scaricare compilare e inviare all’ email [email protected]  il questionario,

Inoltre  ci saranno dei punti (negozi , uffici ecc ) dove sarà esposta  la locandina del Censimento per la distribuzione e raccolta  del modulo.

“Chiediamo- hanno detto i componenti della Commissione-  la collaborazione di tutti i cittadini, perché solo attraverso l’autodeterminazione ed il coinvolgimento delle persone segnate dalla malattia, potremo dimostrare il numero reale dei pazienti che questa città ha ed  ha avuto. Dimostrando tale  numero potremo richiedere più servizi d’ eccellenza  per i pazienti oncologici. Rivolgiamo un appello ai Medici di famiglia, alle Chiese di ogni Credo e a chi vorrebbe diventare un punto di distribuzione e raccolta moduli, affinché  tutta la cittadinanza sia servita nei vari quartieri. Inizieremo- hanno continuato-  il Censimento davanti alle farmacie e ci sposteremo programmando il tutto in un calendario on line.”

Una applicazione permetterà di visualizzare il calendario e compilare il modulo su internet . L’applicazione  si trova  all’ interno della pagina Facebook www.facebook.com/CensimentoOncologicoGela , assieme alle varie news che di volta in volta pubblicheremo.

“Questa iniziativa nasce per dare servizi  ai cittadini gelesi malati di tumore, a coloro che lo sono stati, ai familiari dei morti per patologie tumorali, che, nonostante il decesso dei propri cari, vogliano testimoniare ed aiutare chi continua a vivere nel disagio, anche per non avere un reparto d’eccellenza di Oncologia a Gela, nonostante sia stato dichiarato area a rischio ambientale. Si tratta dei  Dati e numeri che non abbiamo potuto avere in altro modo, in quanto molti sono stati costretti a curarsi presso altre città della regione Siciliana ed altre ancora, fuori dalla stessa, rimpinguando le altre Asp, per poi sentirci dire che la nostra non ha abbastanza fondi. Ad oggi Gela offre un reparto di Oncologia che lavora sottorganico e che può curare solo i tumori solidi dell’ adulto. Assente da sempre l’ Ematologia, nonostante molti cittadini si ammalino di leucemie. Ciò ha permesso ad altri Ospedali di crearsi le eccellenze perché noi  siamo stati i loro numeri, costringendo i nostri cittadini ai cosi detti  «viaggi della speranza»” Hanno concluso i componenti della Commissione.

Tra l’altro nel caso Gela l’Atlante sanitario dei tumori in Sicilia Incidenza, prevalenza sopravvivenza, mortalità e ospedalizzazione della patologia oncologica pubblicato a dicembre 2016 dall’ Assessorato Regionale della Salute– Dipartimento per le Attività Sanitarie ed Osservatorio Epidemiologico non è in grado di fornire dati.

Punti che hanno dato disponibilità   alla distribuzione e raccolta del modulo censimento  :

Via Buscemi  n. 160 Patronato INAPI di Grazia Caci

Corso Vittorio Emanuele  n. 363 Giorgia & Johns

Via Francesco Crispi n. 31 Clinica iPhone Gela

Via Francia n. 14 SAMOT ONLUS

 

Articoli correlati