Manette ai polsi di due gelesi e un romeno, questo il bilancio delle ultime due sere

I Carabinieri di Gela hanno arrestato, questa notte, il trentenne romeno Glavan Vali Marian, perché ritenuto responsabile di tentato furto aggravato.

L’uomo era stato sorpreso dai militari all’interno di un chiosco di frutta e verdura in via Recanati, appartenente a una trentaseienne, in cui si era introdotto dopo aver scassato un pannello. Nella serata di ieri, invece, i Carabinieri di Gela hanno arrestato il pregiudicato gelese Antonio Agrò, cinquantanovenne, colpevole di ricettazione, falsificazione di monete e bancarotta fraudolenta, reati commessi nel centro e nel nord Italia. Agrò dovrà scontare cinque anni, tre mesi e nove giorni di reclusione. Sempre ieri sera, anche il pregiudicato gelese Antonino Di Fede, cinquantunenne, è finito nel mirino dei Carabinieri per tentata estorsione in concorso, lesioni personali e porto d’armi, reati commessi a Gela nel 2007. Di Fede dovrà scontare due anni e quattro mesi di reclusione. Tutti e tre rimangono a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Articoli correlati