Manifesto Gela No Gender, ed è polemica

Mentre c’è chi crea un ambiente domestico o scolastico dove i vestiti, i colori, gli oggetti o i giochi non si dividono per categorie maschi o femmine, a Gela ci troviamo di fronte ad una nuova polemica “di genere”.

Sul varco della chiesa San Giacomo un manifesto “Gela No Gender, Valori cristiani + Famiglia= amore di Dio. Aiutaci Papa Francesco” suscita delle critiche non solo da parte di omosessuali, ma anche di etero che vedono la città ritornare al medioevo.

Nel mondo globalizzato di oggi, dove si educa ad essere liberi dagli stereotipi di genere, dove fin da bambini ci si abitua a comprendere che non esistono solo famiglie eterosessuali, ma anche famiglie con due papà o due mamme, a Gela si incita a vedere il mondo solo in un modo.