“Mare Sicuro 2017”, i dettagli dell’intensa attività della Capitaneria di Porto

Sono stati illustrati questa mattina i dettagli dell’operazione “Mare Sicuro 2017” condotta dai militari della Capitaneria di Porto.

Un’intensa attività che ha interessato il litorale costiero dei Comuni di Gela e Butera, al fine di prevenire e reprimere condotte illecite ai danni del pubblico demanio marittimo. Una lotta contro l’abusivismo, le innovazioni non autorizzate e l’occupazione del suolo demaniale, nel rispetto delle normative sul diporto, sull’ambiente, sulla pesca e sulla balneazione.

Nello specifico, il periodo estivo è stato caratterizzato da un’intensa vigilanza affinché venissero osservate le ordinanze di sicurezza in mare, sorvegliando costantemente le condizioni per il corretto svolgimento delle attività balneari, le dotazioni obbligatorie per le strutture ricettive e organizzando il servizio di assistenza e salvataggio. Quasi ottocento sono stati i controlli effettuati, sessantaquattro le sanzioni elevate, due notizie di reato, dieci bollini blu rilasciati e due soccorsi.

La maggior parte delle infrazioni ha riguardato la mancata osservanza del codice di navigazione e violazioni all’ordinanza di sicurezza balneare.