“Mare sicuro”, sequestrati trenta chili di triglie ed elevate sanzioni

Sequestrati circa trenta chili di novellame di triglia di dimensione inferiore al minimo consentito per legge per la cattura e la commercializzazione. L’attività, che rientra nella più vasta operazione “Mare sicuro” della Capitaneria di Porto e frutto di un continuo e capillare controllo del territorio, ha visto la collaborazione della Squadra Volante del Commissariato di Gela che ha elevato una sanzione amministrativa e disposto il fermo per novanta giorni di un veicolo già sottoposto a sospensione dalla circolazione, perché privo della revisione.

Dai controlli all’interno dei furgoni è stato accertato pescato di vario tipo e genere e sono state rinvenute sei cassette di triglie per un totale di circa trenta chili, non conforme alle misure previste per la cattura in quanto più piccoli di undici centimetri di lunghezza totale, in violazione alle misure minime previste dal Regolamento CE 1967 del 2006.

I trasportatori sono stati deferiti alla locale Procura della Repubblica, mentre il pescato sequestrato, dopo l’ispezione effettuata da parte del Servizio Veterinariodell’ASP CL2 del distretto di Gela, è stato dichiarato non idoneo al consumo umano e destinato alla distruzione.I controlli alla filiera della pesca, intanto, proseguiranno senza sosta.